Architetti del Novecento. Storia e Archivi

La collana si prefigge lo scopo di approfondire lo studio delle opere e del percorso culturale e professionale degli architetti e ingegneri del XX Secolo, attraverso una doppia anima; quella delle monografie e dello studio dei progetti e delle correnti architettoniche e quella dedicata al ricco patrimonio degli inventari degli archivi.
La collana è diretta da Ulisse Tramonti
Comitato Scientifico: Gianluca Belli, Gianna Frosali, Roberto Fuda, Concetta Lenza, Michela Sessa, Maria Luisa Masetti, Ezio Godoli, Ewa Karwacka, Elisabetta Insabato, Vilma Fasoli, Stefano Zagnoni, Ettore Sessa

  • Pagine 1 di 3
  • 1
  • 2
  • 3
  • >

Gherardo Bosio

Opera completa 1927-1941

Autore: Riccardo Renzi

ISBN: 978-88-7970-764-0

Prezzo:  € 60,00

Gherardo Bosio è uno degli architetti italiani più importanti vissuto negli anni Trenta, grazie a progetti realizzati sia in Italia che all'estero. Dopo un iniziale periodo formativo a Roma è uno dei primi laureati della Scuola Fiorentina di Architettura e membro del gruppo Toscano Architetti. Questo volume è la sua prima monografia, che racconta i momenti più importanti della sua carriera e le sue opere. 

2016 * 368 pp. * brossura con bandelle * 23×28 *  ill.

 

 

 

 

 

 

Giuseppe Giorgio Gori

Opera completa

Autore : Fabio Fabbrizzi

ISBN: 978-88-7970-752-7

Prezzo:  € 25,00

Giuseppe Giorgio Gori è stato uno dei Maestri indiscussi della prima generazione dei progettisti di Scuola Fiorentina. Al suo lavoro si deve la revisione e l’evoluzione di ogni possibile gestualità che l’eredità michelucciana sui temi della variabilità, poteva lasciare nelle derive di Scuola Fiorentina. Il suo pensiero e la sua opera, infatti, subito la mitigano attraverso l’immissione nel progetto di una dimensione certa, intelligibile, trasmissibile, quindi, scientifica, capace di riportare all’interno del suo spessore teorico e operativo, anche la dimensione del procedimento. Grazie all’opera di Gori, potremmo dire che in base a queste caratteristiche, si riporta la progettualità fiorentina, al ruolo prezioso di “sistema”, legandola maggiormente alla tradizione rinascimentale fatta di misura, ritmo, prospettiva, piuttosto che alla casualità e alla libertà tipica dell’epoca medievale. Quindi, per Gori, è molto più importante il transito compiuto per arrivare a quella che è per lui, solo una tra le infinite soluzioni possibili e non la soluzione; una soluzione comunque variabile, rivedibile, superabile ed evolvibile, in un processo inesauribile di ricerca continua. Quindi un progetto che mai si conclude, ma che si muove nell’infinita consistenza ed essenza della realtà. A rileggere oggi la sua opera, ci si accorge di come essa sia capace di tenere ancora insieme la regola e il suo superamento, l’assoluto e il quotidiano, la via minima e quella ontologica, a ricordarci ancora una volta che per lui, il progetto, prima di essere un progetto di forme è sempre stato un progetto di relazioni. Un progetto, il cui spazio è sempre fiorentino anche quando il suo luogo è altrove

 

2016 * 288 pp. * brossura con bandelle* 22×22 *  ill.

 

 

 

Giovanni Michelucci

Lo spazio che accoglie

AutoriFabio Fabbrizzi

ISBN: 978-88-7970-719-0

Prezzo:  € 22,00

Il volume raccoglie gli scritti dell’autore su varie tematiche percorse da Giovanni Michelucci nella sua lunga ricerca progettuale. Il tema dell’accoglienza, vero nucleo teorico e operativo attorno al quale ruota tutta la sua opera, si esprime attraverso le diverse declinazioni della cosiddetta “variabilità”, ovvero quel particolare modo di pensare la forma architettonica partendo non da una visione aprioristica ma dalle infinite e mutevoli relazioni che concorrono a formarla. Da qui si snoda un itinerario critico che affronta visioni, opere e progetti sotto questa medesima chiave di lettura. Il volume è corredato degli schizzi del Maestro toscano, coservati presso la Fondazionie Michelucci di Fiesiole.

 

 

2015 * 144 pp. * brossura * 22×22 *  ill.

 

 

 

 

Angiolo Mazzoni in Toscana

CuratoriMilva Giacomelli, Ezio Godoli, Alessandra Pelosi

ISBN: 978-88-7970-627-8

Prezzo:  € 24.00

Tra le regioni italiane la Toscana presenta la maggiore concentrazione di opere di Mazzoni che è stato il principale interprete della modernizzazione dell’architettura ferroviaria, iniziata con il concorso nazionale per il fabbricato viaggiatori della stazione di S.M. Novella (1932-33), e l’architetto-ingegnere del Ministero delle Comunicazioni capace di declinare il nuovo repertorio formale nella maggior parte delle principali stazioni e palazzi postelegrafonici costruiti in Italia nel corso degli anni 1930. Il volume, che accompagna la mostra itinerante di pannelli fotografici, Angiolo Mazzoni in Toscana, ricostruisce l’itinerario creativo mazzoniano (1925-38), cui sono dedicati nove saggi: il palazzo delle poste di Grosseto, il complesso ferroviario di S.M. Novella di Firenze, la Colonia marina Rosa Maltoni Mussolini per i figli dei postelegrafonici e dei ferrovieri a Calambrone, Tirrenia (Pisa), il progetto del palazzo delle poste di Pisa, la Stazione di Siena, il palazzo delle poste di Massa, il palazzo delle Poste di Pistoia, la ricevitoria postale dell’Abetone (Pistoia) e la Stazione di Montecatini Terme (Pistoia). Un ricco apparato iconografico, messo a disposizione dal Mart, dall’Archivio storico del Compartimento di Firenze delle Ferrovie dello Stato, dall’Archivio Storico delle Ferrovie dello Stato di Roma, dall’Archivio di Stato di Firenze e da archivi privati, illustra il volume. 

2013 * 288 pp. * brossura con bandelle *  22×22 * 260 ill.

 

Arte e Architettura

L'esperienza teorica nell'opera di Leonardo Savioli

AutoreLetizia Nieri

ISBN: 978-88-7970-593-6

Prezzo:  € 24.00

L’opera si sviluppa dall’analisi del ruolo della pittura e del disegno nella teoria architettonica nel secondo dopoguerra, attraverso l’opera teorica, pittorico-grafica e architettonica di Leonardo Savioli. Savioli lavora sul concetto di arte come “fare”  come “formare” il cui contenuto è l’artista in sé stesso, il suo spirito. Inoltre considera l’opera d’arte un brandello d’esistenza, come frammento della vita umana, evidenziando così la sua piena adesione al panorama culturale- filosofico che caratterizzerà l’ambiente fiorentino del secondo dopoguerra. 

2012 * 276 pp. * brossura con bandelle *  22×22 * 122 ill.

 

 
  • Pagine 1 di 3
  • 1
  • 2
  • 3
  • >