ARTE

Questa collana, diretta da Mina Gregori e Roberto Paolo Ciardi, analizza la storia delle arti in Toscana attraverso i secoli, avvalen- dosi della collaborazione di un comitato scientifico di chiara fama e dei migliori esperti nazionali ed internazionali del settore

HABITAT

La ricomposizione

 Autore: Gloria Campriani

 ISBN: 978-88-7970-761-9

 Prezzo € 10,00

 

 

Catalogo della mostra dell’artista Gloria Campriani ospitata nel Palazzo Pretorio di Certaldo.

L’artista certaldese propone un linguaggio fortemente simbolico e si distingue per l’utilizzo di materiali di recupero, reinterpretandoli. Habitat, la ricomposizione è il titolo del suo progetto che vuole far riflettere sul mondo odierno, sulla necessità di un continuo dialogo sociale e sul bisogno di creare relazioni, per contrastare l’irrigidimento e l’individualismo. Il viaggio di Gloria Campriani nell’habitat umano contemporaneo, avviene per temi diversi attraverso le sale di Palazzo Pretorio, con installazioni, performance, video, fotografie, arazzi e opere pittoriche in un vero e proprio cammino che vuole farci riappropriare delle nostre emozioni, un cammino che indaga nell’animo umano, in grado di commuovere, infondere speranza e stupire attraverso un preciso di-segno comunicativo che le opere sono in grado di trasmettere.

 

2016 * 63pp. * brossura * 240×280 mm  

 

 

 

 

 

 

<< COULEURS COULEURS! >>

Antonio Verrio: un pittore tra Seicento e Settecento

 

 Autore: Raffaele De Giorgi

 ISBN: 978-88-7970-449-4

 Prezzo:  € 45,00  – 20% € 36,00

 

 

Il presente volume è la prima monografia completa sull'artista leccese Antonio Verrio che, tenendo conto delle più antiche e diverse fonti della letteratura artistica e degli interventi critici moderni, riesamina l'intero percorso dell'artista dagli esordi salentini fino alle esperienze europee.

La monografia di De Giorgi su Verrio colma una lacuna per una conoscenza più completa sul pittoree delle sue opere nella grande stagione del Barocco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2009 * 240pp. * brossura * 300×240 mm *  

 

 

 

 

 

 

I concetti di imitazione e di espressione nella teoria e nella storia delle arti figurative

Viatico per una storia della critica d'arte

 

I concetti di imitazione e di espressione nella teoria e nella storia delle arti figurative

Autore: Giuliano Ercoli

 ISBN: 978-88-7970-775-6

 Prezzo:  € 8,00

Il termine ‘critica’ – dal greco kritike techne, ‘arte di giudicare’ – indica, nella sua accezione più generale, un’analisi rigorosa condotta dalla ragione, e, insieme, il giudizio a cui attraverso tale analisi si perviene. In questo saggio della critica d’arte, divenuto ormai un classico, il professore Giuliano Ercoli ripercorre la storia della critica attraverso i secoli e la sua evoluzione

2016 * 64 pp. brossura  * 148×210 mm *  ill.

 

 

 

 

 

 

Giovanni Raspini – WILD

segni e gioielli animalier 

AutoreFrancesco Maria Rossi

ISBN: 978-88-7970-766-4

Prezzo:  € 34.00

Wild è un omaggio sincero alla libertà e all'immaginazione di Giovanni Raspini. Un diario di viaggio che si esprime in disegni e pitture, una straordinaria sedimentazione materica che trova compostezza nelle pagine del suo scrapbook, il libro degli schizzi, l'album magico della memoria personale e collettiva. Così l'idea primigenia del designer di gioielli toscano si fa immagine compiuta, quasi senza sforzo apparente, come fosse il volo della farfalla o la corsa del ghepardo.
 

2015 144 pp. * cartonato con sovraccoperta * 24×30 *  interamente illustrato

 

 

 

 

 

Matite razziste

L'antisemitismo nell'illustrazione del periodo fascista
 

CuratoreGiovanna Lambroni, Dora Liscia Bemporad

ISBN: 978-88-7970-759-6

Prezzo:  € 10.00

Il volume raccoglie i saggi, scaturiti da una giornata di studi promossa nel 2014 dalla Fondazione Ambron Castiglioni con la collaborazione della Biblioteca Marucelliana e dell’Archivio di Stato di Firenze, e affronta l’analisi dei prototipi iconografici veicolati dal messaggio antisemita nell’Italia degli anni Trenta e dal mondo dell’illustrazione in particolare, in una chiave di lettura ancora poco esplorata nella storia del razzismo che permette di constatare la diffusione capillare del fenomeno nella grafica del periodo. Numerose sono state le matite italiane che, alla vigilia del secondo conflitto mondiale, hanno rappresentato gli ebrei come “cattivi”, stereotipati in caratteri somatici ben definiti: naso adunco, labbra carnose, capelli crespi e barba lunga.

2015 120 pp. * brossura * 17×24 *  ill