collana Studi e percorsi storico-artistici

Guido Andlovitz

Forme e decori per la ceramica

A cura di: Laura Casprini Gentile

ISBN: 978-88-7970-834-0

Prezzo:  € 91.00

 

Guido Andloviz (Trieste 1900 – Monfalcone 1971) è stato, insieme ed al pari di Gio Ponti, il protagonista indiscusso della ceramica industriale italiana tra le due guerre e oltre, arrivando a lambire gli anni Sessanta. Chiamato nel 1923 a rinnovare la produzione della Società Ceramica Italiana, fu attivo per oltre quarant’anni presso lo stabilimento di Laveno, sul Lago Maggiore, allora guidato da Luciano Scotti. Sofferente per un eccessivo ritardo stilistico, evidenziato da più parti in una “produzione consuetudinaria a commerciale”, la terraglia lavenese era diventata suo malgrado esempio di quelle “resurrezioni artificiose di un gusto oltrepassato” che Roberto Papini aveva aspramente criticato in occasione della prima Biennale delle Arti Decorative, organizzata nella Villa Reale di Monza nel 1923. Bastarono, tuttavia, soli due anni perché, ai serviti decorati con bordure e vignette all’uso della terraglia inglese, fosse affiancata una nuovissima linea di manufatti, la cui progettazione fu affidata appunto ad Andloviz. In effetti, fu proprio la sensibilità d’artista di Guido Andlovitz, capace di cogliere, nel vivace panorama di cultura mitteleuropea cui apparteneva, le più feconde suggestioni, a tradurre in nuove forme e nuovi decori una tradizione che era giusto non rinnegare. Dal 1925 in poi, dunque, la S.C.I. di Laveno partecipò a tutte le Biennali monzesi ed alle Triennali di Milano, sempre meglio definendo, anche al confronto con le altre manifatture ceramiche, il suo carattere d’industria d’arte all’avanguardia, sia nell’estetica del prodotto che nelle tecnologie impiegate. Unico artefice di questo rinnovamento repentino ed efficace fu proprio Guido Andloviz, così come Gio Ponti, attivo per la Richard-Ginori, lo fu per la porcellana della Manifattura di Doccia e per la terraglia di San Cristoforo. Tuttavia, mentre Gio Ponti ha avuto un’immensa fortuna critica, Andloviz, uomo di proverbiale riservatezza, è rimasto un po’ ai margini di una storia della ceramica che dovrebbe annoverarlo tra i padri indiscussi del design italiano. Il recente, fortuito ritrovamento di parte dell’archivio dello studio artistico di Andloviz ha però finalmente permesso di approfondire e riscrivere questa lunga vicenda progettuale in parte già dimenticata.

2017 519 pp. * brossura con bandelle * 21×29,7 mm  *  ill. a colori

 

Cetamura del Chianti: una comunità etrusca

A cura di: Nancy T. De Grummond

ISBN: 978-88-7970-856-2

Prezzo:  € 20.00

 

Il volume è un estratto in lingua italiana dell’opera completa “Wells of Wonders: New Discoveries at Cetamura del Chianti”.
Vengono raccontati gli scavi, i ritrovamenti e la storia di questo straordinario sito archeologico nella zona di Gaiole in Chianti.

 

 

2017 * 77 pp. * brossura * 21×28 mm  *  ill.

 

 

 

 

La città che scrive

A cura diGiovanni Capecchi e Giovanna Frosini

ISBN: 978-88-7970-879-5

Prezzo:  € 20.00

 

In occasione dell’anno di Pistoia Capitale italiana della cultura 2017 l’edificio storico della Sapienza, fondato dal cardinale Niccolò Forteguerri e oggi sede della Biblioteca Forteguerriana, ha ospitato un suggestivo percorso dedicato alla scrittura a Pistoia, che si snodava fra manoscritti di opere letterarie, documenti, incunaboli, libri a stampa, autografi e materiali figurativi, dalla fine del Duecento ad oggi. 
Un viaggio – quello proposto dalla mostra – affascinante e multiforme che ha portando il visitatore a indugiare sugli scaffali e sui libri, alla ricerca del valore di una comune identità.
Il volume raccoglie le opere che sono state esposte durante il periodo della mostra.

 

2017 * 209 pp. * brossura con bandelle * 24,5×29 mm *  ill. a colori

 

 

 

Soffici e Rosai

Realismo sintetico e colpi di realtà

cura di: Luigi Cavallo e Giovanni Faccenda

ISBN: 978-88-7970-857-9

 Prezzo:  € 16,00

Catalogo della mostra curata da Luigi Cavallo e Giovanni Faccenda, con la collaborazione di Oretta Nicolini, Luigi Corsetti e Marco Moretti che vede esposti 25 dipinti e 10 disegni per ogni autore, dagli anni dieci al secondo dopoguerra al Museo Soffici e del Novecento di Poggio a Caiano (Prato). 

La mostra pone a fianco Soffici e Rosai, in un ideale confronto di linguaggi figurativi.

 

 

2017 * 127 pp. * brossura con bandelle * 23×28 mm  

 

Le piccole, belle, chiese d’Arezzo

 

AutoreFrancesco Susi-Neri

ISBN: 978-88-7970-867-8

Prezzo:  € 16.00

Arezzo con un’urbanistica composta da strade, stradine e vicoli che si aprono in una piazza, o slargo, o piazzetta é come una scenografia naturale di teatri continui, inattesi, che mi hanno invitato a descriverli, seguendo una idea da tempo coltivata: un itinerario delle piccole Chiese.

Non è un libro di divulgazione storica, neppure di critica artistica, non c’è la volontà di insegnare con nozioni, date, analisi dettagliate di costruzioni; c’è invece un’ambizione, quella si, di riscoprire degli angoli, delle atmosfere, una certa poetica che Arezzo sa ancora custodire, in modo nascosto, quasi segreto.

2017 * 87 pp. * brossura con bandelle * 17×24 mm *  illustrazioni a colori