RESTAURO

È la collana più ricca ed antica di Edifir-Edizioni Firenze: un ampio ventaglio, di monografie e di raccolte miscellanee di grande rigore ed attualità tecnica e metodologica. Curata dai responsabili scientifici dell’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze, celeberrima istituzione nel campo del restauro e della formazione, si pone come essenziale punto di riferimento a livello internazionale.

40. Il San Giovannino di Ubeda restituito

El San Juanito de Ubeda restituito
Curatori: Maria Cristina Improta

ISBN978-88-7970-658-2

Prezzo € 34,00

A distanza di quasi ottanta anni dalla distruzione, l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze ha restaurato il San Giovannino proveniente dalla Capilla del Salvador de Úbeda (Spagna), attribuito da Manuel Gómez Moreno nel 1930 a Michelangelo, e profondamente danneggiato durante la Guerra Civile spagnola. Più di recente l’attribuzione è stata ripresa e sostenuta da Francesco Caglioti sulla base di nuovi elementi. I pochi frammenti conservatisi del San Juanito, già di proprietà di Francisco de los Cobos, segretario dell’imperatore Carlo V, nonostante l’attribuzione al maestro fiorentino e l’altissima qualità artistica sono stati lontani dal dibattito critico poiché illeggibili. La ricomposizione dei pochi frammenti rimasti della scultura ha rappresentato un momento unico di riflessione critica, ma anche un’importante sfida per il conservatore. È stata la volontà di recuperare la scultura da parte della Fondazione della Casa Ducale di Medinaceli, proprietaria dell’opera, già nella Cappella del Salvatore della cittadina andalusa, a rendere possibile la collaborazione con il Settore dei Materiali Lapidei dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, che si è prodigato nella ricerca delle metodologie da applicare in questo caso di studio e nel reperimento delle risorse necessarie. L’utilizzo delle tecnologie digitali di scansione tridimensionale, applicate negli ultimi tempi per la realizzazione di copie di opere d’arte, ha permesso il montaggio dei frammenti grazie ad un modello virtuale che ha consentito di determinarne l’esatta posizione, a partire dalle fotografie storiche. Il volume raccoglie gli atti del convegno internazionale in cui tali temi sono stati approfonditi da eminenti studiosi ed esperti di restauro che si è tenuto a Firenze il 24-25 giugno 2013.

 

2014 * 264 pp. * brossura * 21×28 * 150 ill. * 2 Tabelle 

 

 

21. The Restoration of Renaissance Painting in mid Nineteenth-Century Milan

Giuseppe Molteni in Correspondence wuith Giovanni Morelli
Autore: Jaynie Anderson

ISBN: 978-88-7970-632-2

Prezzo:  € 20,00

Giuseppe Molteni e Giovanni Morelli hanno goduto di un'amicizia straordinaria, sulla base della loro comune passione per la pittura e il restauro. Il loro legame è documentato in queste lettere, pubblicate qui per la prima volta: una corrispondenza tra il restauratore più illustre del XIX secolo e l'uomo che ha inventato la connoisseurship. Lo studio di Molteni, come documentato in queste vivaci lettere, è stato un laboratorio per intenditori e direttori di musei, in cui i dipinti potevano essere studiati, analizzati, discussi, e restaurati, prima di essere spediti in altre parti d'Europa (di solito dopo aver subito un restauro costoso, talvolta necessario e qualche volta no). Molteni spesso sottopose i quadri a "restauri" piuttosto fantasiosi … Morelli capì quello che succedeva nello studio di Molteni, mentre rimane discutibile se i suoi clienti inglesi, come Sir Charles Eastlook, l’avessero capito oppure no. Molti dei capolavori italiani restaurati dal Molteni sono ora nella National Gallery di Londra, dove hanno contribuito a dibattiti controversi sul restauro. Volume in lingua inglese.
 

2014 * 104 pp. * brossura * 17×24 

 
 

20. Memorie al magnetofono

Mauro Pellicioli si racconta a Roberto Longhi
Autore: Simona Rinaldi

ISBN: 978-88-7970-634-6

Prezzo:  € 20,00

Nel volume vengono pubblicati i colloqui registrati da Boschetto presumibilmente tra 1966 e 1967, che furono rintracciati dalla signora Pellicioli nella soffitta della sua casa in via Porta Dipinta a Bergamo su sette bobine a nastro. Non è noto se le bobine esistano ancora, ma di esse esiste la trascrizione condotta da Mary Pellicioli per conservarne gelosa memoria. La trascrizione delle sette bobine contiene il carteggio che il padre, Mauro Pellicioli, aveva scambiato con Roberto Longhi e altro materiale sulle polemiche dal 1948 al 1966. 

Sia pur in maniera disordinata, le memorie registrate “al magnetofono” si rivelano di grande importanza per la ricostruzione storica di uno dei principali restauratori del Novecento, vero anello di congiunzione tra l’eredita antica della scuola lombarda del Secco-Suardo e degli Steffanoni, ed il mondo moderno di Cesare Brandi e dell’I.C.R. Un mezzo secolo di storia del restauro italiano ci è raccontato dal diretto protagonista che rivela la sua grande sensibilità nei confronti dell’opera d’arte e una speciale abilità mentale e manuale di trovare sempre una soluzione ai problemi che i dipinti presentavano. Vengono alla luce anche tanti episodi, piccoli e grandi, relativi a restauri di opere notissime che possono servire a comprendere meglio i fatti e la mentalità di questo grande restauratore.

2014 * 168 pp. * brossura * 17×24 

 

 

 

 

 

39. Il futuro del contemporaneo

I cantieri del Master in Conservazione e Restauro delle opere d'arte contemporanee dell'Opificio delle PIetre Dure
Curatori: Letizia Montabalno, Mattia Patti 

ISBN978-88-7970-592-9

Prezzo € 20,00

Nel 2011 la Scuola di Alta Formazione dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze, grazie ad un finanziamento dell’INPDAP, ha organizzato un Master di I livello, dedicato alla Conservazione delle opere d’arte contemporanee. Delle 1500 ore previste per il corso (60 CF) una parte è stata destinata ai cantieri didattici, svolti presso importanti collezioni e musei toscani come Il Centro Luigi Pecci e il Museo del Tessuto di Prato, La Galleria Continua a San. Gimignano e la Fattoria di Celle a Santomato (PT). Questa esperienza, dedicata a varie tipologie di lavoro, dalla documentazione al progetto di restauro, dalle analisi ad interventi di conservazione, ha rappresentato un momento importante di collaborazione fra varie professionalità e di riflessione sulle problematiche dell’arte contemporanea.

2013 * 160 pp. * brossura * 21×28 * 88 ill. * 2 Tabelle 

 

19. Firenze restaura

Il laboratorio nel suo quarantennio. A cura di Umberto Baldini e Paolo Dal Poggetto. 
NUOVA EDIZIONE

Curatore: Marco Ciatti

ISBN: 978-88-7970-612-4

Prezzo:  € 30,00

La Guida alla Mostra Firenze Restaura è un testo fondamentale per la storia del restauro poichè rappresenta una straordinaria rassegna antologica per i casi affrontati. La Mostra del 1972 fu la prima del settore a ricevere un grande successo di pubblico e a dotarsi di un voluminoso catalogo riccamente illustrato. Firenze Restaura era la ricostruzione di quarant'anni di attività, vastissima e sicuramente positiva, del Laboratorio di restauro fiorentino oltre ad essere un primo bilancio dei restauri dell'alluvione, nonchè un omaggio al Soprintendente Ugo Procacci che era appena andato in pensione. Siamo di fronte a pagine fondamentali di storia del restauro e una mostra sterminata, realizzata in sessantuno sale, con circa duecentocinquanta opere esposte. Perciò si è deciso di ridare alle stampe queste pagine che stavano diventando oramai una rarità bibliografica.

2013 * 396 pp. * brossura * 17×24 * 215 ill. b/n