collana Problemi di conservazione e Restauro

E’ la collana più longeva della Edifir – Edizioni Firenze e la prima in Italia dedicata ai temi del restauro. La collana presenta un ampio ventaglio di monografie e di raccolte miscellanee di grande rigore ed attualità tecnica e metodologica. La serie è curata dai responsabili scientifici dell’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze, prestigiosa Istituzione nel campo del restauro e della formazione è ormai un solido punto di riferimento a livello internazionale.

27. La “coperta” Guicciardini

Il restauro delle imprese di Tristano

Curatori: Rosanna Caterina Proto Pisani, Marco Ciatti, Susanna Conti, Maria Grazia Vaccari 

ISBN: 978-88-7970-467-0

Prezzo: € 18,00

Il volume, catalogo della mostra omonima (Firenze, Museo di Palazzo Davanzati, 24 aprile-4 luglio 2010), presenta il restauro della “coperta” Guicciardini del Museo Nazionale del Bargello, celebre manufatto del secolo XIV, esposto nella Camera dei Pavoni di Palazzo Davanzati dal 1956 al 1991. Si tratta di un’opera unica sia per l’iconografia sia per la tecnica. Il restauro, eseguito dal Settore del Restauro dei Tessili dell’Opificio delle Pietre Dure, ha consentito uno studio approfondito dell’opera sia da un punto di vista tecnico sia da un punto di vista storico-artistico, puntualizzandone l’iconografia e il collegamento con le fonti letterarie. Lo studio della tecnica è invece stato determinante a stimolare Il Club del Punto in Croce e la sua presidente Patrizia Pietrabissa alla riproduzione di una replica della “coperta” Guicciardini, realizzata da Silvana Vannini su disegno di Marisa Sardini, che verrà donata al Museo di Palazzo Davanzati. Questa replica, esposta in mostra insieme alla copia della “coperta” del Victoria and Albert Museum di Londra – progettata da Francine Nicolle, fondatrice dell’associazione Les Cordelles-Boutis en Vaunage ed eseguita dalle ricamatrici di Sallele d’Aude dirette da Marie Godard e dalle ricamatrici di Caen dirette da Agnes Pigeonneau – fa comprendere come la mirabile arte del ricamo, ben rappresentata nelle collezioni storiche del Museo Davanzati, sia ancora viva e capace di produrre meraviglie. La replica della “coperta” Guicciardini donata al Museo di Palazzo Davanzati verrà esposta, dopo la mostra, nella Camera dei Pavoni, mentre l’originale verrà immagazzinato con le necessarie cautele nei depositi del Museo del Bargello.

2010 * 136 pp. *  brossura * 17×24 *  160 ill.

 

 

26. La Pala di San Zeno di Andrea Mantegna

Studio e conservazione

Curatori: Marco Ciatti, Paola Marini

ISBN: 978-88-7970-454-0

Prezzo: € 38,00

Il volume dà conto di un lungo e complesso processo di indagine e restauro sulla Pala di San Zeno di Mantegna, terminato nell’aprile 2009 dall’Opificio delle Pietre Dure di Firenze. La monumentale Pala di San Zeno (cm 480×450) è l'ultima opera dipinta da Mantegna a Padova prima del suo trasferimento a Mantova. Selezionata da Napoleone per il Museo del Louvre, la Pala di San Zeno arrivò a Parigi nel 1798. Nel 1806 i due scomparti esterni della predella, raffiguranti la Preghiera nell'orto e la Risurrezione furono inviati al Musee des Beaux-Arts di Tours (dove ancora si trovano), in cambio di due importantissime tele dell'artista: il Parnaso e Minerva caccia i vizi dal giardino delle Virtù, provenienti dallo studiolo mantovano di Isabella d'Este Gonzaga. L'elemento centrale con la Crocifissione rimase invece al Louvre. La pala fu restituita a Verona nel 1815 priva della predella, sostituita da copie di Paolino Caliari. Il restauro della Pala di San Zeno si è reso necessario perché il capolavoro presentava seri problemi di tipo conservativo, sia sulla superficie pittorica che sul supporto ligneo e sulla cornice, queste ultime mai trattate prima d'ora. Problemi dovuti essenzialmente a tre fattori: il naturale invecchiamento dell'opera in rapporto alle condizioni ambientali, i precedenti restauri e l'errato rimontaggio della struttura, conseguente ai numerosi spostamenti della pala nel corso dei secoli. La ricollocazione dell'opera nella Basilica di San Zeno Maggiore a Verona è avvenuta il 21 maggio, in occasione della festa del santo patrono, a 550 anni dalla realizzazione dell'opera d'arte.

2009 * 320 pp. * brossura * 21×28 * 335 ill.

 

 

 

25. Masolino, Storie di San Giuliano

Un restauro fra Italia e Francia

Curatore: Cecilia Frosinini

ISBN: 978-88-7970-337-6

Prezzo:  € 20,00

Lo studio tratta del restauro, da parte dell’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze, del pannello di predella con Storie di San Giuliano di Masolino da Panicale conservato nel Museo Ingres a Montauban (Francia). Singolare la scelta di un ente francese di far restaurare una propria opera da un istituto italiano, sia pur d’eccellenza. Ma ancora più particolare la scelta da parte del grandissimo pittore classicista Jean-Auguste-Dominique Ingres (1780-1867) di acquistare (probabilmente a Roma) e collocare all’interno del proprio studio un’opera del quattrocentesco Masolino, che al termine della vita, egli donò al museo della sua città natale! Il restauro, eseguito nell’ambito delle manifestazioni in onore di Masolino e Masaccio (2001-2002), è l’occasione inoltre di cercare la collocazione dell’opera nell’ambito della produzione dell’artista toscano.

2008 96 pp. * brossura * 21×28 * 78 ill.

 

 

 

 

24. Raffaello: la rivelazione del colore

Il restauro della Madonna del Cardellino della Galleria degli Uffizi

Curatori: Marco Ciatti, Antonio Natali, Patrizia Riitano

ISBN: 978-88-7970-384-0

Prezzo:  € 9,99

Il volume dà conto di un lungo e complesso processo di indagine e restauro sulla notissima tavola di Raffaello conservata agli Uffizi (1999-2008) che viene restituita appunto dopo dieci anni al Museo fiorentino. La tavola con la Madonna del cardellino subì un gravissimo danneggiamento poco dopo la sua stesura (agli inizi del Cinquecento), quando (come descrive il Vasari) «…capitò poi male quest’opera l’anno 1548 a dì 17 novembre, quando la casa di Lorenzo … per uno smottamento del monte di San Giorgio, rovinarono insieme con altre case vicine: nondimeno ritrovati i pezzi di essa fra i calcinacci della rovina, furono da Battista figliuolo d’esso Lorenzo, amorevolissimo dell’arte, fatti rimettere insieme in quel miglior modo che si potette». A quel primo intervento di restauro ne susseguirono molti altri, in questi cinque secoli. Oggi si può dire di essere tornati ad una sua nuova e straordinaria leggibilità. Ai saggi tecnici si accompagnano dettagliate indagini scientifiche all’assoluta avanguardia a livello internazione (compresa un’indagine tomografica applicata per la prima volta su una tavola di così grandi dimensioni). Con un saggio originale di Antonio Natali, un resoconto completo della bibliografia sull’opera a cura di Nicoletta Pons ed un corredo iconografico sorprendente. Il volume sarà presentato in una prestigiosa sede ufficiale fiorentina nell’autunno del 2008 probabilmente alla presenza del capo dello Stato.

2008 * 208 pp. *  brossura * 21×28 * 199 ill. 

 

 

23. La Croce dipinta dell’abbazia di Rosano

Visibile e invisibile. Studio e restauro per la comprensione

Curatori: Marco Ciatti, Cecilia Frosinini, Roberto Bellucci

ISBN: 978-88-7970-331-4

Prezzo:  € 30,00

Il Crocifisso, prodotto e costantemente conservato nell’abbazia di Santa Maria di Rosano (alle soglie occidentali di Firenze, lungo il corso dell’Arno, nel comune di Rignano), “rappresenta forse il dipinto più antico che gli studi hanno attribuito alla scuola fiorentina di pittura (XII secolo)”. L’opera ha subito una parziale revisione in ambito controriformista, agli inizi del XVII secolo, dalla quale il recente, emozionante, restauro curato dall’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di Restauro di Firenze la ha emancipata riportandola all’antico splendore. Il libro ne ripercorre con forte impianto scientifico anche la vicenda storica e artistica dando conto al contempo delle fasi del restauro.

2007 * 208 pp. * brossura * 21×28 * 191 ill.