Arte, costume, storia

  • Pagine 1 di 2
  • 1
  • 2
  • >

L’Archivio Preunitario del Comune di San Giovanni Valdarno

a cura di: Provincia di Arezzo

ISBN978-88-7970-546-2

Prezzo € 14.00

Il volume costituisce un significativo strumento di lettura e di valorizzazione dei fondi archivistici di epoca preunitaria conservati nell’Archivio storico del Comune di San Giovanni Valdarno, resi così disponibili per i ricercatori interessati allo studio delle fonti documentarie per la storia del territorio del Valdarno Superiore in età moderna. L’inventario costituisce lo strumento di accesso alla documentazione prodotta – dal XVI secolo fino all’inquadramento del Comune nello Stato italiano – dalle magistrature amministrative e di governo della comunità valdarnese, di cui si è cercato di ricostruire la struttura organizzativa nei diversi gradi della loro evoluzione storica, così come la complessa serie di rapporti esistente tra uffici comunitativi e uffici centrali dello Stato toscano.

2012 * 152 pp. * brossura * 17×24

 

 

 

La Salute in Fabbrica

Anni Settanta. L'indagine nella fabbrica "Gori & Zucchi" di Arezzo L'indagine nei calzaturifici della Provincia di Arezzo
Arte Costume Storia. 39 

Curatore: Centro Promozione per la Salute “Franco Basaglia”

ISBN978-88-7970-496-0

Prezzo € 14.00

Il Servizio medicina preventiva dei lavoratori fu istituito nel 1972 dalla Provincia di Arezzo, prima in Toscana. Un Servizio del tutto nuovo, che faceva capo ad una Istituzione, la Provincia, che aveva alcune parziali competenze nella sanità pubblica, ma che era impegnata a costruire una sanità nuova in tutti i campi della vita sociale: nella scuola, nel manicomio, nella società, nell'ambiente di vita e di lavoro. Il volume raccoglie la documentazione degli interventi nei calzaturifìci aretini e nella più grande fabbrica di lavorazione dell'oro, la Gori e Zucchi, che si offre alla riflessione degli amministratori, degli operatori, dei soggetti sociali e dei cittadini, per una nuova e auspicabile creatività collettiva per il diritto alla salute nei luoghi di lavoro. Ristampa della pubblicazione originale degli anni Settanta.

2011 * 144 pp. * brossura * 17×24

 

 

Luigi Franchi “Centesimino”

Arte Costume Storia. 38 

Curatore: Ermanno Satanassi

ISBN978-88-7970-481-6

Prezzo € 14.00

Dal 1972 due scatole di cartone giacciono ignorate nei sotterranei dell'Ospedale della Misericordia di Montevarchi.È noto che contengono gli effetti personali di Luigi Franchi, “Centesimino”, artigiano geniale dal carattere bizzarro, che aveva vissuto gli ultimi anni della sua vita in una stanzetta al piano terreno dell’ospedale, occupandosi della manutenzione dell’impiantistica. Attorno alla metà degli anni Ottanta la curiosità spinge Ermanno Satanassi, addetto al funzionamento della centrale termica dell’edificio, a gettare uno sguardo sul contenuto di quelle scatole che ormai da anni si ritrova sotto gli occhi. Egli subito realizza che si tratta di materiale interessante: oltre alle foto, alcune risalenti a inizio secolo, e alle lettere personali, vi sono disegni di circuiti elettrici, schemi di collegamenti, disegni meccanici e tutto il carteggio con note industrie dell’epoca alle quali il Franchi proponeva le proprie invenzioni, compresa la famosa “bicicletta elettrica” di cui esiste ancora il prototipo. Occorrerà però attendere il pensionamento del Satanassi (1995) prima che la sua semplice curiosità si trasformi in una vera e propria attività di ricerca: scoprire passo a passo notizie e riferimenti, ricostruire tasselli di vita vissuta, verificarli incrociandoli con altre informazioni e con altri documenti diventa un’attività che lo appassiona al punto da scrivere questa biografia su Luigi Franchi, personaggio colmo d'ingegno, la cui vicenda umana è sicuramente degna di essere ricordata.

2010 * 112 pp. * brossura * 17×24 * 58 ill.

 

 

L’Archivio Preunitario del comune di Poppi.

Inventario. Parte I. Podesteria, Comunità, Cancelleria

a cura di Roberta Menicucci

ISBN978-88-7970-380-2

Prezzo € 14.00

Il volume raccoglie e ordina il vasto complesso documentario conservato nell’archivio del Comune di Poppi, che conserva ancora oggi non solo le carte custodite per secoli dall’antica Cancelleria, ma anche quelle di tutti i tribunali podestarili del Vicariato del Casentino. Sono qui elencati gli atti civili, giudiziari ed economici che a partire dagli inizi del Cinqucento, anno della nascita dell’archivio, hanno interessato la comunità poppese e quelle limitrofe a essa annesse territorialmente, come Bibbiena, Pratovecchio, Catel San Niccolò, Ortignano, Montemignaio e Romena. Nel riordinamento e inventariazione del presente archivio si è cercato di ricostruire il legame tra le carte e le istituzioni che le hanno prodotte, ripercorrendone a ritroso l’evoluzione durante i quattro secoli della loro esistenza.

2010 * 400 pp. * brossura * 17×24

 

 

Il Museo Civico di Sansepolcro nel costume cittadino: da piccola raccolta d’arte all’inaugurazione come Istituzione comunale

Arte Costume Storia. 37

Autore: Enrico Verrazzani

ISBN978-88-7970-423-6

Prezzo € 14.00

Al Museo Civico di Sansepolcro, forse il più importante della terra di Arezzo perché raccoglie, tutte assieme, oltre a quelle di altri sommi artisti, tre opere di Piero della Francesca (gli affreschi della Resurrezione e del San Giuliano; il Polittico della Misericordia), Enrico Verrazzani ha dedicato un approfondito studio storico-critico e documentario, corredato da un ampio repertorio fotografico. Questo lavoro (una brillante tesi di laurea, discussa con il prof. Antonio Paolucci e premiata con il massimo dei voti e la lode), non è solo per coloro che si dicono “addetti ai lavori”, ma anche per destinatari più diversificati, grazie al notevole interesse scientifico e documentario che gli è assegnato dall'analisi obiettiva delle vicende otto-novecentesche del patrimonio artistico e culturale altotiberino, e non solo di quello. Verrazzani, infatti, raccoglie con estrema puntualità tutta la documentazione possibile attorno a ogni opera esposta nel Museo, facendo così anche la storia di una committenza non solo locale, risalendo agli antichi proprietari delle opere fino a giungere all'arrivo di esse nelle sedi delle pubbliche istituzioni in seguito alle politiche di esproprio lorenese, napoleonico e italiano dopo la Legge del 1866: un corollario di notizie destinate non a soddisfare semplicemente curiosità occasionali, ma le più vere e motivate esigenze della storia culturale di una terra come quella di Sansepolcro, che, oltre che di Piero della Francesca, possiede testimonianze del Rosso Fiorentino, di Santi di Tito, del Perugino, del Pontormo, dei Della Robbia, del Signorelli, per citare alcuni dei più importanti nomi di artisti che qui trovano il loro scenario.

2009 * 176 pp. * brossura * 17×24 * 180 ill. * con Cd-rom

 

 
  • Pagine 1 di 2
  • 1
  • 2
  • >