Archivi del mese: febbraio 2018

51. From the Flood to New Life: Restoration of the Last Supper by Giorgio Vasari

Santa Croce fifty years after (1966-2016)

 A cura di: Roberto Bellucci, Marco Ciatti, Cecilia Frosinini

 ISBN: 978-88-7970-886-9

 Prezzo:  €  30,00

La grande Ultima Cena di Giorgio Vasari, dipinta per il convento fiorentino detto “delle Murate”, poi spostato in Santa Croce all’epoca dell’alluvione del 1966 fu gravemente danneggiata dalle acque: la tavola rimase per più di 48 ore immersa nell’acqua e nel fango. 
Il volume presenta il lungo restauro dell’opera e i risultati della sua miracolosa rinascita, celebrati ed esposti insieme al capolavoro in una mostra che si tenne a Firenze nel novembre 2016.

Versione inglese del volume in italiano.

 

 

2017 * 198 pp. * brossura con bandelle * 17×24 mm *  ill. a colori

 

Lo Zodiaco di Emanuele Luzzati

Il soffitto dipinto per il Centro Bibliografico dell'Unione delle Comunità Ebriche Italiane di Roma 

A cura di: Valentina Filice

 ISBN: 978-88-7970-889-0

 Prezzo €  10,00

 

 

A dieci anni dalla morte di Emanuele Luzzati la Fondazione Ambron e Castiglioni ha voluto rendere omaggio al grande maestro con questo volumetto sul soffitto ligneo del Centro Bibliografico dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane. L’autrice ha ricostruito la genesi, le vicende storiche e critiche di una delle sue opere più singolari. Inaugurato nel 1990 e portato a termine per volontà di Tullia Zevi, la prima donna a guidare quella importante istituzione, coronava il suo sogno di creare una biblioteca che raccogliesse la summa della produzione culturale e letteraria dell’ebraismo italiano, nonché archivi e manoscritti per essere conservati in un luogo che li rendesse disponibili a un pubblico il più vasto possibile.

 

 

2017 * 51 pp. * brossura * 170×240 mm *  ill. a colori

 

 

 

 

 

50. Il restauro dell’Adorazione dei Magi di Leonardo

La riscoperta di un capolavoro

 A cura di: Marco Ciatti, Cecilia Frosinini

 ISBN: 978-88-7970-839-5

 Prezzo:  €  30,00

Il dipinto su tavola di Leonardo raffigurante l'Adorazione dei Magi è stato trasferito nel novembre 2011 è stato restaurato Laboratorio di restauro dell'Opificio delle Pietre Dure presso la Fortezza da Basso. Il risultato ottenuto da questo importante restauro ha fatto emergere elementi utili a effettuare una più approfondita lettura dei valori espressivi dell’opera e ha fatto riemergere la potenza dei volumi e delle espressioni dei personaggi rappresentati. La pulitura ha consentito anche di penetrare sempre più nel modo di lavorare di Leonardo, confermando l’interpretazione iniziale circa le varie fasi e materiali, e arricchendola di nuovi elementi, esempi e  interessanti problemi interpretativi. Dell’intervento di restauro nella sua globalità si parlerà nel volume di studi che seguirà alla restituzione dell’opera alla Galleria degli Uffizi al termine del delicato intervento curato dall’Opificio delle Pietre Dure con il sostegno degli Amici degli Uffizi

 

2017 * 326 pp. * brossura con bandelle * 17×24 mm *  ill. a colori

 

Strategie di rigenerazione del patrimonio industriale

Creative factory heritage telling temporary use business model

A cura di: Cristina Natoli, Manuel Ramello

ISBN: 978-88-7970-877-7

Prezzo:  € 35.00

Il presente volume si inserisce nella consolidata attività di ricerca sulla rigenerazione urbana ed extra urbana delle aree a forte connotazione industriale in cui è in atto un processo di deindustrializzazione legato a trasformazioni economico-produttive e processi di globalizzazione del mercato le cui conseguenze hanno determinato una profonda metamorfosi territoriale. Da queste riflessioni e dall’osservazione dei molteplici fenomeni a piccola e grande scala già in essere si sono individuate quattro tematiche strettamente connesse alla rigenerazione del patrimonio industriale: Heritage telling, Creative factory, Temporary use; Business model.

 

2017 * 264 pp. * brossura con bandelle * 17×24 mm *  ill. colori

 

 

 

Caratteri e invarianti del progetto architettonico e urbano nell’abitare sociale

1945–1983

Autore: Riccardo Renzi

ISBN: 978-88-7970-890-6

Prezzo:  € 24.00

 

Risolvere le difficoltà della periferia, non solo unicamente nella sua definizione urbana ma anche e sopratutto nell’emarginazione del contesto sociale attuale, è operazione a cui non è possibile oggi sottrarsi. Superare barriere invisibili dettate inizialmente da scelte architettoniche non compiutamente portate a termine dalle amministrazioni locali o, peggio, portate avanti sapendo già in anticipo quali danni avrebbero potuto provocare nella loro gestione futura, è dovere della generazione, politica e tecnica, in corso. Lo strumento per l’attuazione di tali strategie correttive è il progetto architettonico e urbano. Sulla base di questo scenario la ricerca si innesta nella contemporaneità, forte di una lettura di fenomeni stratificati avendo come unico punto di analisi il progetto. È il ruolo del progetto, ed anche del suo linguaggio in evoluzione, a determinare una serie di dimensioni spaziali che l’architettura assume in maniera molteplice e che amplifica la sua rilevanza attraverso la costruzione di un’immagine italiana che passa attraverso la realizzazione dei quartieri. Il volume racconta la ricerca attraverso cinque saggi indipendenti affrontando, scalarmente, la distanza fra gli strumenti compositivi e la loro dimensione operativa. Il primo ambito d’analisi rintraccia alcuni elementi invarianti e caratteristici che gli interventi realizzati hanno in comune. Il secondo ambito indaga la scala urbana nella sua specifica connessione con la ricerca tipologica condotta dai professionisti del tempo sugli edifici, che primariamente guida la composizione dei nuovi insediamenti-quartiere. Stravolgendo il dibattito del tempo che vedeva la scala del quartiere a guida sulla scelta sulle tipologie edilizie, l’analisi dimostra il contrario, ossia che il progetto alla scala architettonica determina scelte di tipo impiantistico-volumetrico. Il capitolo centrale, per posizione e per rilevanza, riguarda la presentazione di una teoria che vede la costituzione di un panorama linguistico in grado di divenire strumento di espressione critica e consapevole impiegato dai maggiori architetti che operano nel periodo preso in esame. Alla scala dello spazio collettivo esterno è dedicata la quarta analisi che si concentra sui caratteri dispositivi dell’interno urbano, e naturale, in funzione del disegno architettonico. Per ultima scala, l’analisi entra all’interno dell’edificio e rileva strategie compositive dello spazio, prima collettivo interno, poi domestico.

2017 * 161 pp. * brossura * 17×24 mm *  ill. b/n