Marco Ciatti

  • Pagine 1 di 3
  • 1
  • 2
  • 3
  • >

3. Structural conservation of Panel paintings at the Opificio delle Pietre Dure in Florence: method, theory, and practice

 A cura di: Marco Ciatti e Cecilia Frosinini

 ISBN: 978-88-7970-792-3

 Prezzo:  €  28,00

 

 

Il volume raccoglie una selezione dei principali articoli, tradotti in lingua inglese, riguardanti interventi di restauro di supporti lignei condotti dal Settore Restauro Dipinti Mobili dell'Opificio delle Pietre Dure. Il progetto nasce dalla collaborazione tra OPD e The Getty Foundation nell'ambito del Panel Painting Initiative, finalizzato alla formazione della prossima generazione di restauratori e alla creazione di risorse di facile accesso, per questo nuovo gruppo di professionisti e per l'intero settore.

Il Dipartimento di restauro dei Supporti Lignei dell'Opificio delle Pietre Dure è uno laboratori leader nel campo della conservazione dei supporti dei dipinti su tavola nel mondo. Dal 1966 a Firenze, anno dell'alluvione di Firenze, rappresenta un importante punto di riferimento per aver sviluppato numerose innovazioni tecniche e per essersi dedicato allo studio delle tecniche artistiche delle carpenterie lignee, attraverso i secoli.

Volume in lingua inglese.

 

2016 * 349 pp. * brossura con bandelle * 21×28 mm *  immagini a colori

 

 

 

 

 

46. “Fatta dell’olmo della piazza”.

Il restauro del Paliotto di San Zanobi

 A cura di: M. Ciatti e C. Rossi Scarzanella

 ISBN: 978-88-7970-799-2

 Prezzo:  € 24,00

 

 

Il Dossale di San Zanobi, al così detto Maestro del Bigallo nei primi decenni del Duecento, e presenta la particolarità di essere realizzato su di un supporto “scavato”. Negli anni Trenta era stato al centro di un importante ed innovativo intervento di restauro ad opera di Augusto Vermehren in cui la pittura antica fu liberata dai molti rifacimenti e vennero recuperate le originali dimensioni dell’opera con il completamento delle cornici frammentarie. Per reintegrazione una grande lacuna che correva in orizzontale su tutta la lunghezza del dipinto, furono impiegati due diversi sistemi: nelle storie laterali vennero ricollegate le linee interrotte delle figure reintegrando la lacuna a neutro; mentre nelle figure centrali venne utilizzato un neutro intonato con una semplificazione delle forme. L’Opificio ha voluto mantenere questo precedente intervento che rappresenta una pagina significativa della storia del restauro ed ha compiuto un grande intervento per fronteggiare i gravissimi problemi strutturali e conservativi. Nel volume sono illustrate le scelte metodologiche e tecniche che hanno indirizzato questo importante  restauro.

 

2016 * 134pp. * brossura con bandelle * 210×280 mm *  

 

 

 

 

 

44. OPD 1975-2015

Quarant'anni di attività 1975-2015: conservazione, ricerca, formazione

A cura di: Marco Ciatti

ISBN: 978-88-7970-756-5

Prezzo € 24,00

In questa pubblicazione si celebra da parte di tutti coloro che si sono occupati in varia maniera delle vaste e problematiche questioni del restauro, un avvenimento che ha segnato in maniera davvero rilevante tale attività in Firenze, ovvero il quarantesimo anniversario dell’inizio di una nuova stagione dell’antico Opificio delle Pietre Dure mediante la sua fusione con il Gabinetto Restauri dell’allora Soprintendenza alle Gallerie e opere d’Arte, per iniziativa di un indimenticato cultore della teoria (e della pratica) di questa attività, Umberto Baldini.

2015 * 200 pp. * brossura * 21×28 * 172 ill. 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

43. Raffaello, La Muta

Indagine e restauro

Curatori: Marco Ciatti, Maria Rosaria Valazzi

ISBN978-88-7970-736-7

Prezzo € 24,00

Il 43esimo volume della collana “Problemi di conservazione e restauro” che l’O.P.D. conduce insieme alla casa editrice Edifir-Edizioni Firenze presenta l’intervento di conservazione e restauro della così detta Muta di Raffaello della Galleria Nazionale di Urbino. Le osservazioni compiute dai restauratori insieme ai risultati delle indagini diagnostiche, realizzate secondo la consueta procedura del Settore di restauro dei Dipinti mobili (e cioè la seguente obbligatoria e ragionata progressione: indagini non invasive di area; indagini non invasive puntuali; indagini invasive non distruttive; indagini invasive distruttive) hanno evidenziato alcune caratteristiche del momento dell’esecuzione e qualche problema conservativo, affrontato e risolto col restauro. Indagini e restauro sono serviti anche per chiarire la dubbia paternità raffaellesca ed il fatto che si tratta sicuramente del ritratto di una persona reale, dato che l’underdrawing impiegato è quello che Raffaello usa in queste occasioni.

2015 * 120 pp. * brossura * 21×28 * 112 ill. XII Tav. 

 

 

 

 

 

2. La Tavola Doria

Tra storia e mito
Curatori: Cristina Acidini, Marco Ciatti

ISBN978-88-7970-701-5

Prezzo € 20,00

Nel volume sono raccolti i contributi della giornata di studio “La Tavola Doria tra storia e mito”, tenutasi il 22 maggio 2014, organizzata dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze e l’Opificio delle Pietre Dure e Laboratori di restauro. La Tavola Doria recentemente acquisita dallo Stato italiano e la cui attribuzione è oggetto di discussione da parte degli studiosi è stata in passato attribuita alla mano di Leonardo, che avrebbe così compiuto una sorta di prova della sua opera; ma si tende oggi a considerarla una derivazione dall’originale leonardesco, eseguita da un artista fiorentino che resta per il momento ignoto. Nel volume saranno presentati i risultati degli studi scientifici compiuti e dell’intervento di conservazione che si è reso necessario sul dipinto, così come sarà illustrato il progetto espositivo realizzato. Seguiranno  contributi per un confronto sull’interpretazione del significato storico-artistico del problematico dipinto.

2015 * 128 pp. * brossura * 21×28 * 66 ill. * VII Tav. 

 

 

 

 

  • Pagine 1 di 3
  • 1
  • 2
  • 3
  • >