Museologia

  • Pagine 2 di 2
  • <
  • 1
  • 2

21. Gli Archivi del mondo

Antiquaria, storia naturale e collezionismo nel secondo Settecento

Autore: Maria Toscano

 

ISBN: 978-88-7970-427-4

 

Prezzo: € 20,00

 

Il testo indaga le intense e complesse relazioni tra il mondo dell'antiquaria e quello della storia naturale e le significative ripercussioni che tali relazioni ebbero su un certo collezionismo colto a fine Settecento, nel delicato momento di passaggio dall'enciclopedismo alla codificazione delle scienze specialistiche. La grande diffusione dell'Histoire Naturelle di Buffon diede l'avvio ad un nutrito filone di studi in cui archeologia e geologia erano indissolubilmente commiste, nel tentativo di ricostruire le fasi più antiche della storia del mondo – insieme storia della terra e storia dell'umanità – attraverso un metodo storiografico centrato sulla preminenza delle testimonianze materiali rispetto alle fonti scritte, frutto di un processo di scientifizzazione che prevedeva l'applicazione del metodo sperimentale agli studi storici. Le ricerche di questo tipo generavano un collezionismo specifico; piuttosto diffuso benché generalmente poco noto e non indagato nella sua interezza, in cui la raccolta e l'allestimento del materiale aveva uno scopo eminentemente scientifico e rappresentavano solo una fase – essenziale ma non autonoma – di una complessa metodologia di indagine che comprendeva il sopralluogo il rilievo grafico dei siti, lo scavo e la scelta dei reperti significanti, e la stesura di puntuali resoconti. Tali collezioni erano raccolte miste in cui dipinti – per lo più paesaggi -, antichità, reperti paleontologici e saggi di rocce coesistevano, poiché tutti monumenti del tempo; testimoni tangibili della storia.

 

2009 * 352 pp. * brossura * 17×24 * 56 ill.

 

20. Musei anni ’50

Spazio, forma, funzione

Autore: Maria Cecilia Mazzi, con saggi di Stefano Marson e Simona Rinaldi

ISBN: 978-88-7970-377-2

Prezzo PDF:  € 9.99

Il volume delinea lo scenario e le vicende dei musei italiani rinnovati nel secondo dopoguerra: più di un decennio fiammeggiante, intento alla rigenerazione in tutti i campi della vita culturale ed economica. In quegli anni il museo diventa uno dei luoghi privilegiati della rinascita, simbolo di una recuperata identità; palestra per allestimenti museografici aggiornati; sfida alle possibilità comunicative dell’arte; testimone e frutto di un ‘progetto’ di ampia portata.  Tutt’altro che secondaria appare l’influenza che esercitano in Italia i grandi musei americani, una zona finora poco esplorata. Simona Rinaldi dedica un approfondimento al tema degli Strappi preventivi, attività che ad un certo momento si presenta come unico mezzo per preservare i dipinti murali da una rovina incipiente, ma ancor più dai pericoli di un ulteriore conflitto che sembra riaffacciarsi per il clima di tensione generato dalla guerra fredda. Stefano Marson ricostruisce l’allestimento (1950) della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma tra fiducia nel “moderno” e vecchie polemiche. A corredo del testo sono foto d’archivio.

2009 * 264 pp. * brossura *  24×30 * 67 ill.

17. Un premio dimenticato

La Collezione del “Fiorino” alla Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti (1950-1978)

AutoreSilvia Bottinelli

ISBN: 978-88-7970-340-6

Prezzo:  € 18,00

Il volume ricostruisce le vicende storiche legate al premio-mostra del Fiorino, organizzato dall’Unione Fiorentina a Firenze dal 1950 al 1977, con la finalità di acquisire opere d’arte contemporanea che arricchissero la collezione nella Galleria d’Arte Moderna di Palazzo Pitti. Lo studio nel suo complesso cerca di analizzare con metodo storico il ruolo svolto dal premio mostra nel contesto artistico fiorentino, la sua capacità propositiva ed il gusto di cui si fa espressione. Con una introduzione di Carlo Sisi e Ettore Spalletti.

2007 * 144 pp. * brossura * 17×24 * 20 ill.

10. In viaggio con le Muse

Spazi e modelli del museo

Autore: Maria Cecilia Mazzi

ISBN: 978-88-7970-366-6

Prezzo:  € 25,00

Un percorso che si offre di accompagnare il lettore attraverso il dedalo (spaziale e temporale) che si viene a creare tra l'oggetto d'arte ed il suo "contenitore-scrigno", il museo appunto, luogo di diletto, intrattenimento e ricreazione dell'animo. Il testo si compone di due parti: una prima, d'introduzione, offre un profilo di tipo storico culturale della nascita di alcune tra le più note collezioni museali del mondo, attraverso settanta schede monografiche corredate da una serie di dati tecnici; una seconda parte, di taglio normativo, prende in esame le problematiche di conservazione.

2005, 2008, 2010* 336 pp. * brossura * 17×24 * 89 ill.

  • Pagine 2 di 2
  • <
  • 1
  • 2